fiamma

Giancarlo Neri

Per l’undicesima edizione di “Illumina la notte” le luminarie cittadine saranno reinterpretate in chiave artistica da Giancarlo Neri che realizzerà nelle strade cittadine l’installazione artistica e luminosa: “Luninaria”. L’opera, divisa in due parti, si svilupperà per una lunghezza di circa 500 metri sul Corso Vittorio Emanuele e su Via Roma. Nella prima parte, quindici “Lune” (globi luminosi di un diametro dai 60 ai 120 cm) saranno posizionate su tetti e terrazzi di case e palazzi che affacciano sul corso principale del paese in modo da formare un percorso magico e surreale in cui l’immagine della Luna, l’unico satellite che ruota insieme e intorno alla Terra, viene moltiplicata e ripetuta come se ci trovassimo su un altro pianeta. Nel Sistema Solare, la nostra casa, di satelliti se ne contano più di centocinquanta: Marte ne possiede due, Plutone cinque, Nettuno tredici, Saturno ventuno e Giove quarantasette. A San Martino, per Natale, i satelliti della Terra saranno quindici o forse sedici contando anche la Luna vera! Nella seconda parte del percorso, lungo il tratto di Via Roma che va dal Municipio alla chiesa di San Giovanni Battista, un “tappeto” di luci colorate (globi del diametro di 25 cm dai colori cangianti) sarà installato in altezza formando una lunga costellazione luminosa, altrettanto magica e surreale, sotto la quale si potrà passeggiare per tutto il periodo natalizio.

Giancarlo Neri

Per l’undicesima edizione di “Illumina la notte” le luminarie cittadine saranno reinterpretate in chiave artistica da Giancarlo Neri che realizzerà nelle strade cittadine l’installazione artistica e luminosa: “Luninaria”. L’opera, divisa in due parti, si svilupperà per una lunghezza di circa 500 metri sul Corso Vittorio Emanuele e su Via Roma. Nella prima parte, quindici “Lune” (globi luminosi di un diametro dai 60 ai 120 cm) saranno posizionate su tetti e terrazzi di case e palazzi che affacciano sul corso principale del paese in modo da formare un percorso magico e surreale in cui l’immagine della Luna, l’unico satellite che ruota insieme e intorno alla Terra, viene moltiplicata e ripetuta come se ci trovassimo su un altro pianeta. Nel Sistema Solare, la nostra casa, di satelliti se ne contano più di centocinquanta: Marte ne possiede due, Plutone cinque, Nettuno tredici, Saturno ventuno e Giove quarantasette. A San Martino, per Natale, i satelliti della Terra saranno quindici o forse sedici contando anche la Luna vera! Nella seconda parte del percorso, lungo il tratto di Via Roma che va dal Municipio alla chiesa di San Giovanni Battista, un “tappeto” di luci colorate (globi del diametro di 25 cm dai colori cangianti) sarà installato in altezza formando una lunga costellazione luminosa, altrettanto magica e surreale, sotto la quale si potrà passeggiare per tutto il periodo natalizio.

fiamma

Considerato oggi a livello internazionale uno dei maggiori artisti italiani di installazioni monumentali, Giancarlo Neri inizia la propria carriera lavorativa come calciatore professionista negli Stati Uniti, dove si trasferisce nel 1978. A New York studia pittura e scultura alla “Art Students League” diventando artista a tempo pieno nel 1980 e allestendo la prima mostra personale alla Kornblee Gallery nel 1983. A partire da quegli anni si dedica alla realizzazione di installazioni di grandi dimensioni negli USA, in Brasile e in Europa. Nel 1991 installa 180 sedie illuminate sulla strada panoramica di Capri, quindi una sedia alta sedici metri nel parco di Villa Ada a Roma e successivamente in un parco londinese. Nel 1997 torna a Napoli insediandosi nello stabilimento siderurgico Italsider di Bagnoli in fase di smantellamento per realizzare con il metallo dismesso una serie di sculture e installazioni che trovano poi spazio in diverse sedi espositive italiane e straniere, da Napoli a Londra e a New York. Nel 2007 illumina il Circo Massimo con 10.000 lampadine per la notte bianca romana. Dopo aver vissuto e operato per molti anni nel nord e nel sud dell’America e dell’Europa, attualmente Neri risiede e lavora a Roma.

loghi